NULLA VERITAS SINE TRADITIONE

2 aprile 2010

Pasqua del Signore



Per noi cristiani, la Pasqua è la dimostrazione reale che la Resurrezione non era la vana promessa di un uomo ritenuto dai suoi contemporanei un esaltato o, come è stato definito in seguito, un semplice “iniziato”.
La Resurrezione è la dimostrazione massima della divinità di Gesù Cristo, e non uno dei numerosi miracoli fatti nel corso della sua vita pubblica a beneficio delle tante persone che credettero in Lui. Questa volta è Gesù stesso, in prima persona, che indica il valore della sofferenza, comune a tutti gli uomini. Soltanto per merito della Morte e Resurrezione di Cristo può esservi certezza della Redenzione, proprio perché Egli, morendo, ci ha liberati dai peccati e, risorgendo, ci ha restituito i beni preziosi che avevamo perduto.

Se ogni tanto si fermasse a pensare al sacrificio di Gesù Cristo, Nostro Signore, l'intera umanità sarebbe senz'altro migliore di quello che è.

Un caro augurio di Buona Pasqua.

N.H. Cav. Luciano Fortunato Sciandra